Cammino del Frassine

Cammino del Frassine

Il Cammino del Frassine ci ha coinvolti in prima persona

perchè scelti dalla Diocesi di Massa Marittima,

per la nostra esperienza sul Cammino per Santiago,

per tracciarne il percorso.

Era l’inverno del 2019.

– Walt M. –

Il Cammino

Il Cammino del Frassine è un pellegrinaggio mariano che dalla città di Massa Marittima in provincia di Grosseto, attraversando un paesaggio naturalistico incontaminato e di rara bellezza, conduce, dopo circa 20 chilometri, al Santuario del Frassine, piccolo luogo nel comune di Monterotondo Marittimo.

Il Cammino nasce per volere della diocesi della città di Massa Marittima, alla quale San Cerbone è il suo patrono ed uno dei protagonisti delle leggenda del Frassine.

Il Cammino per la diocesi ha una ricorrenza annuale nel mese di maggio ma è libero per qualunque pellegrino o camminatore di effettuarlo in ogni momento dell’anno.

Nell’inverno del 2019 abbiamo percorso nelle “macchie” di quel pezzetto di Maremma oltre cento chilometri per tracciare un percorso di un sol giorno, dove natura e storia vivono in armonia da sempre.

Un Cammino meditativo unico…

La Madonna del Frassine, leggenda e pellegrinaggio

La festa della Madonna del Frassine si celebra il 25 aprile presso il Santuario a pochi chilometri da Monterotondo Marittimo.

Secondo la leggenda la statua della Madonna venerata al Frassine fu portata dal vescovo Regolo con i santi Giusto, Felice, Cerbone, Clemente e Ottaviano in Val di Cornia, per sfuggire alle persecuzioni in Africa settentrionale.

Nei secoli successivi alla morte di San Regolo della statua si presero cura i monaci dell’Abbazia di San Pietro in Palazzuolo, presso Monteverdi fino al 1252, anno in cui i Pannocchieschi incendiarono il convento.

Uno dei monaci, fuggendo nel bosco, portò con sé anche la preziosa statua, ma vinto dalla stanchezza la nascose tra i rami di un frassino.

La statua fu creduta distrutta nell’incendio per circa un secolo, fino a quando un mandriano di nome Folco, portando il bestiame a pascolare nella Val di Cornia, osservò che uno dei suoi vitelli lasciava al mattino la mandria, per poi tornare alla sera.

Seguendo il vitello, lo vide entrare nel bosco ed inginocchiarsi ai piedi di un frassino, tra i cui rami scorse intatta la statua della Madonna.

In seguito al miracoloso ritrovamento, vista anche la devozione di numerosi pellegrini, intorno a quel frassino fu costruita la prima cappella, divenuta poi Santuario.

Qui ancora oggi è custodita la statua lignea raffigurante la Madonna.

Molti sono i pellegrini che si recano durante tutto l’anno presso il Santuario, che si anima in aprile per i festeggiamenti solenni in onore della Vergine.

Massa Marittima

Il centro di Massa Marittima è situato su una delle propaggini meridionali delle Colline Metallifere, che dominano la sponda sinistra del fiume Pecora.

La parte occidentale e meridionale del territorio comunale digrada verso la pianura maremmana, mentre nella parte sud-orientale si estende il lago dell’Accesa di origine carsica, di cui è emissario il fiume Bruna.

Il territorio intorno a Massa Marittima fu abitato sia in epoca preistorica che protostorica, come testimoniano numerosi ritrovamenti databili dal Paleolitico all’età del Bronzo.

Insediamenti etruschi sono stati invece rinvenuti nella zona del lago dell’Accesa, Poggio Castiglione e Valpiana, databili in un lungo periodo di tempo che va dal IX al V secolo a.C.

Ulteriore prova dell’esistenza di un probabile insediamento nel luogo in cui oggi grossomodo sorge Massa Marittima è dato dalle Res Gestae di Ammiano Marcellino, dove viene citata una Massa Veternensis come luogo di nascita di Costanzo Gallo nipote di Costantino.

…la città conobbe l’apice del suo splendore negli anni in cui si costituì in libero comune dal1225 al 1337, avvenuta in connessione con lo sfruttamento minerario, di giacimenti di rame e di argento, diffusamente estratto nelle colline metallifere in età medievale.

In quest’epoca Massa conobbe una grande espansione urbanistica e vennero realizzati edifici di grande pregio architettonico.

Dal 1317 per almeno un anno la città batté anche moneta propria, il Grosso da 20 denari e il Denaro piccolo, e si ha notizia della circolazione delle sue monete fino alla fine del 1319.

…durante il dominio mediceo, la necessità di una bonifica fu riconosciuta solo dal granduca Ferdinando I, ma questo tentativo iniziale non venne proseguito: le sorti di Massa e della Maremma furono trascurate, fatte salve le attività siderurgiche di Valpiana.

…Massa partecipò attivamente ai moti risorgimentali che portarono all’unità d’Italia.

Garibaldi stesso passò per Massa Marittima, di cui in seguito divenne cittadino onorario, e furono proprio alcuni giovani massetani ad aiutarlo a raggiungere Cala Martina per imbarcarsi verso Porto Venere nel settembre 1849.

…sul finire della seconda guerra mondiale, infine, si registrano a Massa episodi di lotte partigiane ed un forte impegno nella Resistenza.

Si ricordano l’eccidio degli ottantatré minatori di Niccioleta ed il barbaro omicidio di Norma Pratelli Parenti, eroina della Resistenza e medaglia d’oro al valore militare.

La cattedrale di San Cerbone

La Cattedrale di Massa Marittima, dedicata a San Cerbone che fu vescovo di Populonia dal 570 al 573, sorge alla sommità di una scalinata che si affaccia in diagonale sulla piazza principale della città.

L’azzardo a livello urbanistico è semplicemente geniale e l’effetto proposto dalla chiesa che viola le consuete prospettive architettoniche, facendo pensare a un’idea saltata fuori da un quadro di Giorgio de Chirico, ne fanno un esempio forse unico al mondo.

La sua costruzione è iniziata nei primi anni dell’XI secolo ma è proceduta a lungo.

Già a una prima occhiata appaiono evidenti due stili: il romanico della fascia più bassa e il gotico.

Nel 1287 proprio in stile gotico per opera di Giovanni Pisano la Cattedrale fu ampliata e arricchita sia sulla facciata sia del terzo ordine di colonne ornate da tre guglie.

Tutta la struttura è decorata da una serie di archi ciechi e da figure simboliche di animali dal significato apotropaico.

Sulla facciata si apre la porta principale, che presenta nei cinque pannelli le Storie di San Cerbone.

Il percorso

Il percorso di 22 chilometri è indicato con la freccia celeste ed inizia dal seminario vescovile in Massa Marittima fino al Santuario del Frassine.

Difficoltà E

List   

Information
Click following button or element on the map to see information about it.
Lf Hiker | E.Pointal contributor

Route4314988-MassaMarittima-Frassine   

Profile

50 100 150 200 5 10 15 Distance (km) Elevation (m)
No data elevation
Name: No data
Distance: No data
Minimum elevation: No data
Maximum elevation: No data
Elevation gain: No data
Elevation loss: No data
Duration: No data

Description

Add here your formated description

Galleria

Questo slideshow richiede JavaScript.

RASSEGNA STAMPA DA “LA NAZIONE”

martedì 18 giugno 2019

Oltre settanta pellegrini in marcia

Cammino del Frassine, un successo

Oltre settanta persone di tutte le età, giovani e meno giovani, hanno partecipato alla prima edizione del «Cammino del Frassine», organizzata dalla Diocesi di Massa Marittima-Piombino con partenza dal piazzale della Chiesa di San Francesco, vicino al seminario vescovile massetano, con arrivo al Santuario del Frassine, dopo un percorso di ventiquattro chilometri interamente ricavato attraverso i boschi di Poggio a Romitorio, Monte Arsenti e Montebamboli.

E per molti dei partecipanti è stato anche l’occasione per trovarsi di fronte a interessanti reperti archeologici quali i resti, sempre ben conservati, della presenza della vecchia miniera che dava lavoro a tanti dipendenti.

Davvero elevata la presenza di partecipanti provenienti non solo da varie località della Diocesi, Follonica, Piombino, Campiglia, ma anche da altre realtà diocesane quali Grosseto, Gavorrano, Travale.

Un’esperienza di fede e fraternità, così veniva definito all’atto della presentazione il «Cammino», e così effettivamente è stato rispettando le regole del buon pellegrino quando si trova a affrontare simili occasioni.

Alla fine tutto bene, non ci sono stati problemi di sorta, solo un po’ di stanchezza in chi è meno abituato a confrontarsi con queste distanze, per la soddisfazione degli ideatori dell’iniziativa che ha avuto in don Filippo e in don Ciprian gli attori principali, con l’impegno a farla diventare un appuntamento fisso a cadenza annuale.

Questo l’augurio finale espresso dal vescovo Carlo Ciattini nella sua omelia durante la messa di ringraziamento officiata al Santuario del Frassine prima del meritato «sciogliete le righe» per far ritorno ognuno nelle proprie abitazioni.

-Gianfranco Beni

Fonte:

Articolo

Visittuscany.com

Le immagini della cattedrale, panorama su Massa Marittima e dell’Arca di San Cerbone provengono dal web.

Seguici!

LA CHECK-LIST PER IL CAMMINO

UTILIZZATA PER IL CAMMINO DI SANTIAGO, VIA FRANCIGENA, VIA DEGLI DEI E VIA GHIBELLINA

Rispondi