I Camini delle Fate della Cappadocia

Tempo di lettura: 4 minuti

La Cappadocia è una regione dell’Asia minore, corrispondente all’attuale Turchia e si estende a nord dei monti dell’Antitauro, fra le regioni del Ponto, della Galazia e della Cilicia.

A oriente è delimitata dall’alto corso del fiume Eufrate, ed è attraversata da est a nord-ovest dal fiume Kızılırmak.

Posizionata geograficamente tra l’Asia Minore e la Mesopotamia, la Cappadocia da sempre è stata una culla di civiltà e colture, dove popoli come gli Assiri, gli Ittiti, i Persiani, i Greci, i Romani e i Bizantini, hanno lasciato le proprie testimonianze.

La Cappadocia in sostanza è stata, per tutte le civiltà occidentali, la porta di accesso all’oriente: un crocevia di rotte commerciali, basti pensare ai viaggi di Marco Polo, ma anche arterie militari percorse da condottieri come Alessandro Magno.

Formazioni rocciose intorno a Göreme

Il paesaggio della Cappadocia è tra i più particolari del pianeta: colonne di roccia come i Camini delle Fate, che si ergono all’improvviso, calanchi che formano profonde insenature, alture che sembrano decorazioni fatte con una saccapoche su una torta gustosa.

Poi, ci sono le cavità naturali, la maggior parte adattate ad uso abitativo e sepolcrale in epoche antiche, fino ad arrivare a città sotterranee come Kaymaklı e Derinkuyu: fortezze inespugnabili “al contrario”, scavate nel sottosuolo per centinaia di metri.

Panorama nella Rose Valley

Questo paesaggio così particolare, si è creato in milioni di anni, dove il magma dei vulcani andava a riempire le depressioni createsi in ere precedenti e poi, successivamente milioni di anni più tardi, la forza erosiva dei fiumi e degli agenti atmosferici, hanno “intarsiato” l’affascinante paesaggio che possiamo ammirare oggi.

Grazie questa formazione geologica ed al patrimonio storico-culturale, la Cappadocia e il parco nazionale di Göreme, il centro di tanta bellezza, sono patrimonio dell’umanità dell’Unesco dal 1985.

Tra i più importanti abitati vi sono Aksaray, Nevşehir, Kayseri, Ürgüp, Uçhisar, Niğde, Gülşehir, Gülağaç.

Luoghi da visitare sono il museo a cielo aperto di Göreme, le citta sotterrane di Kaymakli e Derinkuyu, le quali sono le principali.

Da percorrere a piedi le bellissime valli di Zelva, Gomeda, Pericabacalar Vadisi che corrisponde alla valle dei Camini delle Fate.

La mappa dei sentieri del Parco Nazionale di Göreme

E’ nel Parco Nazionale di Göreme dove abbiamo fatto i percorsi di trekking e le visite ai siti storici più importanti come la città sotterranea di Kaymakli.

I nostri trekking sono stati nella valle dell’Amore con i suoi Camini “particolari”, nella valle Rosa caratterizzata proprio da questo colore presente sulle formazioni rocciose, nella valle di Ihlara e nella valle ad est di Mustafa Pasa.

Come arrivare in Cappadocia

In aereo è sicuramente il mezzo più veloce per raggiungere Göreme, facendo scalo all’aeroporto di Kayseri (a circa 90km) che è collegato con i maggiori aeroporti turchi.

Per raggiungere Göreme, è consigliabile per prima cosa, contattare l’hotel che avete prenotato: solitamente offrono un servizio di navetta a pagamento, che viene a prendervi all’aeroporto e vi porta direttamente presso la struttura.

Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sui nuovi post. In omaggio una guida digitale e l'accesso a tutte le tracce dei percorsi.
icon

Di Walt

TOSCANA, MASSA MARITTIMA. ISTRUTTORE DI TREKKING CSEN-CONI. Tra le mie passioni oltre al trekking, l'outdoor e la montagna, ci sono i viaggi con zaino in spalla, la preistoria dell'uomo, la fotografia, food & wine e le tradizioni dei luoghi. Sono anche un ex speleologo e con questo sono ancora affascinato dal mondo sotterraneo.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui nuovi articoli, per accedere alle guide digitali ed alle tracce dei percorsi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: