Il Masso delle Fanciulle

Il Masso delle Fanciulle

La riserva naturale Foresta di Berignone

Nella zona di Volterra, in provincia di Pisa, fra Saline di Volterra e Pomarance esiste la bellissima riserva naturale Foresta di Berignone.

La Riserva Naturale Foresta di Berignone si estende in una vasta area delimitata dal fiume Cecina, torrente Sellate e torrente Fosci a sud-ovest, dal confine con la Provincia di Siena ad est e dalla Macchia di Tatti a nord.

Situata a pochi chilometri dalla città etrusca di Volterra la Riserva permette di visitare i diversi ambienti del territorio della Val di Cecina, dalle foreste agli ecosistemi fluviali, dalle macchie ai coltivi tradizionali.

La macchia di Tatti, di proprietà del Comune di Volterra, è contigua alla Riserva e forma con essa un unico complesso forestale gestito da la Comunità Montana.

Il complesso forestale di Berignone-Tatti rappresenta da sempre il sinonimo di boscaglie sterminate e di macchie intricatissime popolate da una fauna ricca e differenziata, di duro lavoro di boscaioli e carbonai, di un ambiente naturale selvaggio ed incontaminato.

In questa natura selvaggia su uno sperone roccioso alla confluenza del botro al Rio con il torrente Sellate è situato il Castello dei Vescovi o semplicemente Torraccia: un importante sito fortificato di cui le prime tracce risalgono all’ 896.

Il fiume Cecina, attraversando la vallata, crea dolci anse tra le rocce con suggestive cascate alte alcuni metri: un paradiso immerso nel verde della vegetazione e dei grandi massi dove spicca il leggendario Masso delle Fanciulle.

 

Il Masso delle Fanciulle

Il nome Masso delle Fanciulle deriva da un’antica leggenda: tre ragazze, preda delle eccessive morbose attenzioni di un signorotto locale cercarono rifugio proprio fra questi alberi e quando videro il masso pensarono di buttarsi in acqua per salvarsi, mentre purtroppo morirono affogate.

Una versione più felice vuole invece che questo sia semplicemente il luogo in cui le giovani donne facevano il bagno al riparo da occhi indiscreti.

Se avete voglia di immergervi ancora di più nella natura e non vi spaventano i fuoripista potete proseguire a piedi, o per meglio dire a nuoto risalendo il fiume: dove infatti si interrompe il sentiero è possibile proseguire in acqua fino al Masso degli Specchi, così chiamato perché con il sole splendente l’acqua si riflette sulle rocce rendendole quasi degli specchi.

Il percorso

Difficoltà E

List   

Information
Click following button or element on the map to see information about it.
Lf Hiker | E.Pointal contributor

Pomarance-da-masso-fanciulle-castello-dei-vescovi   

Profile

50 100 150 200 5 10 15 Distance (km) Elevation (m)
No data elevation
Name: No data
Distance: No data
Minimum elevation: No data
Maximum elevation: No data
Elevation gain: No data
Elevation loss: No data
Duration: No data

Description

Add here your formated description

Come arrivare al Masso delle Fanciulle in auto

Seguire la SS439 in direzione Volterra e poi Pomarance.

Oltrepassato il ponte sul fiume Cecina proseguire in direzione Berignone – Lanciaia, superato il ponte sul fiume Possera svoltare a sinistra e arrivare fino al guado del mulino del Berignone.

Qua è possibile parcheggiare la macchina.

Guadato il fiume per un piccolo tratto prima di proseguire lungo una strada sterrata, un sentiero e una parete rocciosa costeggiati da alberi e vegetazione rigogliosa e che vi condurranno lungo le rive del fiume dove potrete già sostare e fare un primo bagno rigenerante.

Il sentiero prosegue poi verso il Masso delle Fanciulle dove le rocce creano una meravigliosa piscina naturale.

Diario fotografico

Seguici!

LA CHECK-LIST PER IL CAMMINO

UTILIZZATA PER IL CAMMINO DI SANTIAGO, VIA FRANCIGENA, VIA DEGLI DEI E VIA GHIBELLINA

Rispondi