Il Corno Grande la montagna più elevata dell’Appennino

Francesco De Marchi nel 1573, il primo uomo sulla cima del Corno Grande, scriveva nel suo diario:

Così pigliai un corno e cominciai a suonare, dove si vedde uscire fuori dalle vene di questo monte assai uccelli, cio è Aquile, Falconi, Sparvieri, Gavinelli e Corvi.

Quali tutti volavano intorno al sasso e mostravano quasi maravigliarsi di sentir suonare alla cima di questo monte…

Il Corno Grande

Il Corno Grande è una montagna di 2.912 metri che sorge nel Massiccio del Gran Sasso in Abruzzo ed è la più elevata di tutto l’ Appennino.

Il Corno Grande

La montagna oltre la cima occidentale, il Corno Grande, è formata da altre cime minori con altitudini che oscillano tre i 2.875 e 2.903 metri: la vetta Orientale, la vetta Centrale ed il Torrione Cambi ed incastonato nelle sue rocce calcaree c’è il ghiacciaio del Calderone, il più meridionale d’Europa.

A quota 2.650 metri del versante sud è posto il Bivacco Andrea Bafile, ai piedi del versante occidentale nei pressi di Campo Pericoli è ubicato il Rifugio Garibaldi, mentre il Rifugio Carlo Franchetti è posto nel Vallone delle Cornacchie tra Corno Grande e Corno Piccolo.

Durante l’escursione alla montagna è facile incontrare il bellissimo camoscio appenninico ed osservare l’aquila reale, l’emblema del Parco Nazionale del Gran Sasso e i Monti della Laga.

Le vie di accesso alla montagna sono quattro con differenti difficoltà: per ore di marcia e dislivello, per tecniche alpinistiche con utilizzo di attrezzatura da ferrata.

La via normale, classificata per escursionisti esperti, parte da Campo Imperatore, la splendida terrazza dove è ubicato l’osservatorio astronomico.

L’ altopiano di Campo Imperatore che con un altitudine tra i 1.500 e 2.000 metri sul livello del mare è considerato il piccolo Tibet d’Abruzzo.

Altopiano di Campo Imperatore con in lontananza il Corno Grande

Affascinanti sono gli scenari dove cavalli, mucche e pecore allo stato brado animano le ventose praterie: scenari da set cinematografici dove è stato girato nel 1970 l’iconico ed ironico film western all’italiana “Lo chiamavano Trinità”, con la mitica coppia Bud Spencer e Terence Hill.

Percorso per la via normale da Campo Imperatore alla cima ovest del Corno Grande

La partenza è Campo Imperatore a quota 2.130 metri ed arriva fino alla vetta occidentale del Corno Grande a quota 2.912 metri risalendo prima il brecciaio di sud-ovest e poi il vasto brecciaio del versante nord-ovest del Corno Grande.

Prendendo il sentiero 101 che passa al lato dell’osservatorio astronomico si evita la deviazione a sinistra per il rifugio Duca degli Abruzzi salendo gradualmente a mezzacosta.

La via procede prima in lieve discesa, poi in salita sui pendii del monte Portella fino a giungere sulla sella di monte Aquila a quota 2.335 metri.

Dalla sella sempre sul sentiero 101 si procede fino a un nuovo crocevia dove a sinistra la via prosegue per il rifugio Giuseppe Garibaldi ed a destra conduce alla direttissima del Corno Grande, quindi prendendo il sentiero 103, comincerà a salire su un fondo molto sassoso fino alla sella del Brecciaio a quota 2.506 metri, ai piedi della cresta ovest del Corno Grande.

Giunti alla sella un altro crocevia indicherà a sinistra la via per la ferrata Brizio ed a destra a salire la via delle Creste-Ovest ma procedendo diritti, condurrà alla Conca degli Invalidi con il vasto brecciaio a nord-ovest da risalire.

Da tale conca si prende il tracciato sulla destra in salita su un pendio ghiaioso che costituisce il versante nord-occidentale del Corno Grande.

Giunti in cresta il sentiero si inerpica tra rocce dove occorrerà l’uso delle mani per salire fino ad arrivare alla conca del ghiacciaio del Calderone e procedendo ancora avanti si arriva sulla Vetta del Corno Grande a quota 2.912 metri.

Qui la vista a 360° è qualcosa di spettacolare e nelle giornate limpide si puó scorgere a est il Mar Adriatico ed a ovest il Mar Tirreno.

Il ritorno sarà sullo stesso percorso di andata.

E’ consigliata una buona preparazione fisica ed esperienza su sentieri di montagna.

Di fondamentale importanza è avere una buona scorta di acqua, crema solare e tutto l’occorrente che necessita un’escursione impegnativa in alta quota.

Partenza da Campo Imperatore (Google Maps)

Distanza 11 km

Durata 6/7 ore

Dislivello 900 m

Quota max 2.912 m

Sentieri 101, 103

Difficolta’ EE (prima di arrivare alla vetta passaggi su roccette con utilizzo delle mani, I/II grado)

List   

Information
Click following button or element on the map to see information about it.
Lf Hiker | E.Pointal contributor

Corno Grande   

Profile

50 100 150 200 5 10 15 Distance (km) Elevation (m)
No data elevation
Name: No data
Distance: No data
Minimum elevation: No data
Maximum elevation: No data
Elevation gain: No data
Elevation loss: No data
Duration: No data

Description

Difficolta’ EE (prima di arrivare alla vetta passaggi su roccette con utilizzo delle mani, I/II grado)

Di Walt

TOSCANA, MASSA MARITTIMA. ISTRUTTORE DI TREKKING CSEN-CONI. Tra le mie passioni oltre al trekking, l'outdoor e la montagna, ci sono i viaggi con zaino in spalla, la preistoria dell'uomo, la fotografia, food & wine e le tradizioni dei luoghi. Sono anche un ex speleologo e con questo sono ancora affascinato dal mondo sotterraneo.

Il Cammino dentro Santiago

Un sentiero di 5.000 metri alla scoperta delle curiosità della città

SCARICA LA GUIDA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO

* campi richiesti
EnglishItalianSpanish
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: